Le trappole Mosquito Magnet, durante il loro impiego, tuttora in essere, presso il Dipartimento di Scienza Biologiche, Geologiche e Ambientali sono state oggetto di test ed analisi.

Nelle stagioni estive degli anni 2015 e 2016, il dipartimento, analizzando le catture effettuate con Mosquito Magnet ha concluso che, l’utilizzo delle stesse, permette un abbattimento costante nel tempo del numero di zanzare presenti nel contesto in cui sono installate. (vedi https://www.mosquitomagnet.it/blog/Universita_Bologna_e_Mosquito_Magnet/)

Durante la sperimentazione avvenuta nell’estate 2015, le trappole Mosquito Magnet sono state anche oggetto di studio da parte della dott.ssa Pirazzini Margherita per analizzare la relazione tra ovitrappole e trappole a CO2 per la cattura degli adulti di Aedes albopictus (comunemente conosciuta come zanzara tigre).

La specie Aedes albopictus, specie negli ultimi anni, è stata oggetto di varie ricerche finalizzate alla sua disinfestazione soprattutto a causa delle ingenti infestazioni nelle aree urbane e dal potenziale rischio sanitario che esse rappresentano per gli agenti patogeni che possono trasmettere con le loro punture.

Il ciclo biologico è tipico delle zanzare del genere Aedes:

- le uova, deposte poco sopra la superficie dell’acqua, schiudono quando sono sommerse.

- le larve, dopo quattro stadi, si trasformano in pupa e poi in zanzara adulta.

Alle nostre latitudini il ciclo di sviluppo può durare da una a tre settimane. La femmina può vivere mediamente due o tre settimane, deponendo da 40 a 80 uova per ciascun pasto di sangue.

Per effettuare questo studio la dott.ssa Pirazzini ha utilizzato tre trappole Mosquito Magnet modello Executive e nove ovitrappole.

Nelle 22 settimane di sperimentazione, mediante l’utilizzo delle trappole Mosquito Magnet Executive, sono stati catturati un totale di 44.712 insetti ematofagi con una media di 96,78 insetti catturati al giorno così suddivisi:

- 96,78 % - Aedes Albopictus (zanzara tigre)

- 1,48 % - Culex Pipiens (zanzara comune)

- 0,04 % - altre specie

Il monitoraggio mediante ovitrappole ha portato alla raccolta totale di 6.304 uova di Aedes Albopictus (zanzara tigre) con un media totale di 31,84 uova per trappola in una settimana.

 Le ovitrappole, sebbene siano attualmente il metodo di monitoraggio più diffuso della zanzara tigre, hanno il limite di campionare le sole uova, e non anche le femmine adulte, imputabili del fastidio e del rischio sanitario.

Le trappole Mosquito Magnet, al contempo, hanno dimostrato di poter catturare un ingente numero di zanzare (quasi settecento a settimana) e quindi i dati da essa ottenuti sono utili per un confronto con le ovitrappole.

A seguito del monitoraggio, continua la dott.ssa Pirazzini, è stata rilevata una correlazione piuttosto stretta fra il numero di uova e quello di femmine che le hanno deposte; contrariamente, è apparsa meno chiara la relazione tra il numero totale di adulti e quello delle uova.

Nota: Le ovitrappole utilizzate durante la sperimentazione permettono esclusivamente il monitoraggio delle uova deposte. Le ovitrappole ora presenti sul mercato, permettono il monitoraggio delle uova e degli adulti in quanto, la loro struttura, non permette lo sfarfallamento all’esterno delle zanzare adulte.

 

Si ringrazia la dott.ssa Pirazzini Margherita per aver condiviso con noi i risultati della sua ricerca.